“Lost in Singapore”: diario di una band dal lockdown

L’emozionante cronistoria di come la AllegroModerato InBand si è rimessa a fare musica totalmente “online”.

“Lost in Singapore”: diario di una band dal lockdown

Marzo 2020

Ormai è chiaro a tutti: viviamo una situazione senza precedenti. Non possiamo uscire di casa se non per assoluta necessità, non possiamo incontrare nessuno. Le attività di ALLEGROMODERATO sono bloccate sine die. I ragazzi della InBand decidono che vale almeno la pena di vedersi online e organizzano, con l’aiuto dei rispettivi genitori, il primo appuntamento via Skype.

Aprile 2020

L’”aperitivo” settimanale online non basta più (oltretutto I musicisti della Inband non sono certo tipi da aperitivo): si ricomincia a parlare di musica. Vengono fissate le prime lezioni a distanza: Alessandro e Paolo (basso e chitarra) con Gabriele, Daniele (sax) con Matteo, Carlo (tastiere) con Marco, Davide (batteria e percussioni) con Claudio. E’ un po’ laborioso, ma si ricomincia a suonare.

20 aprile 2020

Dall’equipe di ALLEGROMODERATO arriva un’idea: “Cominciamo, seppure “a distanza”, le prove per un nuovo brano. così saremo meno ripetitivi e poi, se registriamo tutto, possiamo mostrare a chiunque il lavoro che stiamo fracendo in pieno lockdown.

25 aprile 2020

Claudio ha una proposta concreta: visto che lui è il batterista sia della InBand sia dei Tropea, propone di coinvolgere qualche altro elemento degli stessi Tropea nel progetto e di affrontare un nuovo arrangiamento per uno dei loro brani. I Tropea sono una delle band più seguite del panorama pop-rock milanese, ma in questo drammatico periodo sono fermi anche loro e Pietro, il cantante, accetta subito.

27 aprile 2020

La scelta cade su “Lost in Singapore”, brano molto romantico della band milanese. I ragazzi della InBand cominciano a provarlo, ognuno con il proprio tutor. Si lavora così: ciascuno studia il brano su YouTube, poi ci suona sopra cercando di inserire I nuovi arrangiamenti pensati dagli insegnanti della cooperativa. Marco confessa che secondo lui il brano non è forse il più bello del loro repertorio, ma è adattissimo a questo progetto. Matteo idem e adotta addirittura il clarinetto per divertirsi un po’. Il pezzo prende forma…

Maggio 2020

Le tracce audio sono tutte pronte, Claudio si sobbarca l’ingrato compito di mixarle una volta ricevute dai vari musicisti (i loro familiari si sono dati un sacco da fare per registrare tutto al meglio con i cellulari). Prospero, il fratello-regista di Carlo, comincia a lavorare sulla parte video. Tra l’altro era stato lui a fornire a tutti le mascherine con la scritta “Lost” per dare un tocco di continuità alle riprese nelle  camerette, nei soggiorni e negli studioli domestici che hanno fatto da sfondo a ciascuno.

Giugno 2020

Il lavoro di montaggio à stato complicato, qualcuno ha dovuto registrare daccapo uno o due passaggi, Cludio e Prospero si sono più volte confrontati a distanza per migliorare e limare il tutto… ma ci siamo. A fine mese il video InBand+Tropea di “Lost in Singapore” sbarca online: FaceBook e YouTube sono per la prima volta il palcosenico di un brano inedito della band. Tutti sono stati bravi e qualcuno se ne accorge: Parole & Dintorni, una delle più importanti agenzie di comunicazione musicale in Italia, invia un comunicato, molti siti ne parlano, il Corriere.it ne ricava un servizio completo.

Luglio 2020

E’ stato un successo: migliaia di visualizzazioni su Facebook, centinaia su YouTube, tanta gente ora ha scoperto la ALLEGROMODERATO InBand (I Tropea li conoscevano già in molti). Abbiamo dimostrato che nemmeno il lockdown poteva fermarci. Ecco il video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potresti leggere anche